non esisti (citro-pescosolido)

tu non parlarmi più d’amore
tu che non sai come si muore
tu nei miei giorni ormai lontani
tu coi tuoi desideri vani

tu non esisti
io non resisto

e adesso so cosa farai
riprenderai il tuo volo
nel grigio di una scena che
colorerò da solo

cancellerai le tracce che
han già lasciato amaro
tra le tue dita polvere
nessuno sparo

e tu non sai di me
tu che sai di me
tu che non sai di me tu...

tu che non sai di me

tu che sai di me
tu che non sai di me tu...


tu sai soltanto far rumore
tu che non conti più le ore
tu stringi rabbia tra le mani
tu che non sai dov’è domani

tu non esisti
io non resisto

e adesso so cosa farai
riprenderai il tuo volo
nel grigio di una scena che
colorerò da solo

cancellerai le tracce che
han già lasciato amaro
tra le tue dita polvere
nessuno sparo

e tu non sai di me
tu che sai di me
tu che non sai di me tu...

tu che non sai di me

tu che sai di me
tu che non sai di me tu...


seguo il ritmo regolare ed incessante del secondo
ogni suono movimento ogni pezzo del tuo mondo
espressione che dà il senso di una forza primitiva
vedo spazi paralleli da qualunque prospettiva
incontriamoci nel centro di un’immagine sbiadita
e che il vento la divori come sabbia tra le dita
nella lotta senza fine nel cratere di un vulcano
riprendi le tue ossa e portale lontano